La banda musicale nel periodo fascista

Nel periodo fascista

Nel periodo fascista il segretario Sissini ordinò alla banda musicale di tradurre in italiano tutti i pezzi che portavano un titolo tedesco, p.es. "Hoch auf der Zugspitze" dovette essere tradotto con "Sulla punta del Zug", "Mir sein die lustigen Holzhockerbuam" cambiato in "I spaccalegna", "Mir sein die Kaiserjäger" tradotto con ; "Noi siamo i cacciatori del Kaiser", e così via. Ogni volta che la banda musicale suonava doveva essere esposto un cartello contenente il titolo del pezzo ed ogni concerto doveva essere aperto con la "Marcia reale" o con "Giovinezza".


Nel 1933 la banda musicale di Colfosco-Corvara ebbe pure l' onore di suonare la "Marcia reale" in occasione della visita del principe Alberto di Savoia. Ma nel 1938 essa dovette cessare la propria attività, a causa delle tasse troppo elevate imposte dai fascisti (apposta per farla smettere di suonare, dato che a loro non piaceva la musica tirolese). Nel 1943 alcuni musicisti ripresero a fare le prove nella vecchia bottega di Paul Pescosta.